Il tedesco colloquiale: parte 2

Ciao a tutti! Come ho già scritto nel mio articolo precedente (Il tedesco colloquiale: parte 1), ci sono espressioni e parole che non si imparano sui libri, bensì stando a contatto con i madrelingua. Ecco qui una nuova serie di parole appositamente selezionate per voi.

 

Krass. Questo aggettivo, davvero molto colloquiale, si usa per esprimere qualcosa che ci sorprende in senso positivo o negativo. Può essere paragonato a cool per una cosa piacevole, oppure a “oh mio dio” per una cosa spiacevole. Das ist krass!

 

Er/sie geht mir auf den Keks. Er/sie geht mir auf den Sack. Queste due espressioni vogliono dire la stessa cosa, cioè che qualcuno ci sta davvero rompendo le scatole 🙂 Der/das Keks in realtà è biscotto e der Sack è sacco. Non c’è bisogno che vi dica come e quando usarle!

 

Schwarzmaler. Questa parola letteralmente vuol dire “pittore nero” o che “dipinge di nero”. In realtà, ci si può arrivare per logica, è qualcuno che vede sempre il lato negativo delle cose o che tende ad esagerarle. Esiste anche il verbo schwarzmalen, con lo stesso significato, ma si usa di più il sostantivo. Sei nicht so ein Schwarzmaler!

 

Ich habe die Nase voll von etwas. Se gli italiani hanno le tasche/palle piene di qualcosa, i tedeschi ne hanno il naso pieno!

 

Den Teufel an die Wand malen. Letteralmente vuol dire “dipingere il diavolo alla parete”. Metaforicamente vuol dire fare l’uccello del malaugurio, cioè essere già pessimista in partenza ed attrarre a sé la cosa negativa che si pensava. Nicht den Teufel an die Wand malen!!

 

Jemanden verpetzen. Quest’espressione molto colloquiale vuol dire “tradire” qualcuno, facendo la spia. Se un ragazzino ha rotto qualcosa che non gli appartiene e noi vogliamo informare il proprietario dell’accaduto, glielo andiamo a dire direttamente. In questo caso: Ich hab den Jungen verpetzt!

 

Halt die Klappe! Halt die Fresse!  Chiudi il becco! Die Klappe può essere tante cose: può essere il coperchio, la patta dei pantaloni, una benda per gli occhi o addirittura la valvola del cuore. Insomma, qualcosa che si apre e si chiude 🙂 Die Fresse, invece, è il muso degli animali.

 

Der Trott. Questa parola significa “trotto”, il trotto del cavallo. Metaforicamente la parola vuol dire “tran tran“, quindi una routine monotona che si ripete. Esempio: Jeden Tag den gleichen Trott erleben..

 

Venitemi anche a trovare sulla mia pagina Facebook. Vi aspetto per fare quattro chiacchiere 🙂

Annalisa Perone

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.